fbpx

Vendita immobili commerciali Bologna, panoramica e prospettive future del mercato

Finito il periodo di lockdown anche all’interno del settore immobiliare sono stati eseguiti studi e statistiche per conoscere gli effetti del periodo di chiusura e per provare a fare delle previsioni per il futuro.

Il mercato immobiliare ha subito una battuta d’arresto inevitabile con conseguenti perdite di fatturato ed una forte riduzione degli investimenti a livello globale.

Partendo da un’analisi dei principali cambiamenti nel settore della compravendita di attività commerciali nel nostro Paese vediamo insieme quali sono stati gli effetti e come ha reagito il mercato locale della vendita di immobili commerciali a Bologna e provincia.

Il mercato immobiliare commerciale in Italia post pandemia

Il 2019 non è stato sicuramente un anno positivo per il mercato degli immobili commerciali italiano ed europeo: Scenari Immobiliari ha evidenziato un calo del 28% alla fine dello scorso anno dopo un trend di crescita positivo nel 2018.

A causa della crisi scaturita dalla pandemia mondiale di COVID-19 per il 2020 non sono certamente previsti miglioramenti e riprese anzi, al contrario, le statistiche del settore annunciano ulteriori contrazioni.

Quelli che senza dubbio hanno risentito maggiormente della situazione sono stati i piccoli esercizi commerciali che non sono riusciti ad affiancare alla vendita fisica uno store online per garantire ai loro clienti abituali un servizio.

Il periodo di crisi e chiusura forzata ha avuto ripercussioni anche sulle quotazioni del mercato immobiliare commerciale con andamenti diversi in base alla città.

Se a Roma e Milano i prezzi medi di vendita ed i canoni di affitto non hanno subito grandi variazioni nelle zone centrali come in quelle più periferiche continuando ad avere una curva decrescente, Venezia e Firenze hanno visto un aumento di questi valori al centro e un forte calo drastica in periferia.

In altre città come Bologna l’andamento delle quotazioni dei prezzi di vendita e dei canoni di locazione è sempre stato in discesa.

Dove si concentrano i negozi di alta moda, le famose high street come Via Montenapoleone a Milano o Via Condotti a Roma, la situazione presenta differenze sostanziali.

Da sempre ambite dagli investitori e dai retailer per le elevate prospettive di utili che garantiscono, queste zone hanno visto aumentare i canoni di affitto medi (come a Milano e a Roma) ed i prezzi di vendita con una velocità diversa a seconda della città oggetto di studio.

Vendita attività commerciali a Bologna, ecco come è cambiato il mercato

Anche il settore della vendita di attività commerciali a Bologna e Provincia sta vivendo una situazione di stallo.

Secondo quanto riportato dalle analisi e dalle valutazioni eseguite dall’osservatorio Immobiliare di Nomisma la compravendita di attività commerciali è diminuita.

Sarà necessario attendere qualche mese per capire se questo periodo di rallentamento è temporaneo oppure no in quanto frutto della riduzione del livello di occupazione dovuto al fatto che moltissime persone hanno perso il lavoro.

Da anni Immobiliare Duemila ricopre un ruolo di primi piano tra le agenzie di compravendita attività commerciali a Bologna e provincia e quello a cui assistiamo è una costante riduzione della domanda sia di acquisto che di locazione del settore degli immobili non residenziali.

L’aumento della percentuale di lavoratori in smart working avrà con il passare dei mesi un effetto negativo anche sulle quotazioni degli spazi destinati al co-working, settore che stava vivendo una fase di forte crescita nell’ultimo periodo.

A fronte di tanta incertezza emerge però un dato positivo relativo agli sconti medi tra il prezzo di vendita offerto e quello effettivamente richiesto che non hanno subito cambiamenti particolari.

Per quanto riguarda i tempi di chiusura dei contratti si stima che mediamente una trattativa di vendita abbia una durata di circa 7/9 mesi.

Situazione meno incoraggiante sul fronte canoni di locazione che, rispetto ai prezzi di vendita, diminuiscono sia in centro che periferia di quasi 2 punti percentuali nel primo semestre dell’anno (contro il -0.6% dei prezzi di vendita).

La domanda a questo punto sorge spontanea: cosa aspettarsi dal futuro?

Secondo gli esperti e gli istituti di ricerca, il settore della vendita di attività commerciali potrebbe assistere nei prossimi mesi ad una ulteriore riduzione sia dei canoni di affitto che dei prezzi.

Stai pensando di investire nell’acquisto di un’azienda o di un’attività commerciale a Bologna e Provincia: visita la nostra BACHECA e CONTATTACI per un appuntamento!